Ricette

Quiche fave e asparagi

quiche-fave-asparagi_ricette_equilibrium_intelligent_food

Ingredienti per una teglia da 24cm

  • 200 g di farina di grano duro antico Equilibrium
  • 80 g di Olio Extravergine d’Oliva
  • Acqua ghiacciata
  • Un pizzico di sale
  • 1/2 cucchiaino di lievito
  • 200 ml di latte di mandorle
  • 3 uova
  • 50 g di pecorino
  • 300 g di fave
  • 6 asparagi
Per questa ricetta abbiamo utilizzato:

Come preparare la quiche con fave e asparagi

  • Setacciate insieme la farina il sale e il lievito;
  • Aggiungete pian pian l’olio. Se usate una planetaria adoperate il gancio a foglia. Potete utilizzare anche un frullatore;
  • Unite l’acqua, ma solo il minimo indispensabile a far amalgamare insieme il composto (ci vorranno all’incirca 50 ml, ma anche meno);
  • Formate una palla con l’impasto, avvolgetelo con della pellicola trasparente e mettetelo a riposare in frigo per 1 ora;
  • Frattanto sbucciate le fave e fatele bollire per 5 minuti. Scolatele e privatele della pellicina esterna (che dopo la cottura verrà via facilmente);
  • Raschiate la parte finale degli asparagi eliminando le parte fibrosa e poi cuoceteli per 10 minuti al vapore;
  • Tirate fuori la pasta brisè dal frigo e stendetela aiutandovi con un mattarello;
  • Rivestite con la pasta brisè una teglia da 24 cm e poi bucherellate il fondo con i rebbi di una forchetta;
  • Amalgamate insieme le uova con il latte;
  • Salate il composto e poi unite il pecorino grattugiato e le fave;
  • Versate il ripieno nel guscio di pasta brisè;
  • Ultimate adagiando sulla superficie gli asparagi;
  • Cuocete in forno statico a 200° per 25 minuti circa.

Fave: caratteristiche & valori nutrizionali

Le fave appartengono alla famiglia delle Leguminose e come altri legumi, sono ricche di proteine (circa il 20-25% del loro peso) e sali minerali; soprattutto ferro, potassio, magnesio, rame e selenio e Vitamine A e K.

Dal punto di vista nutrizionale, hanno un ottimo contenuto di proteine e fibre ma povere di calorie e grassi, circa 80 kcal per 100 grammi. Le fave sono un alimento ipocalorico, perfetto per chi deve perdere peso e mantenersi in forma. Infatti, per la presenza di fibre e proteine, hanno la capacità di stimolare il senso di sazietà, diminuire l’assorbimento del colesterolo e stabilizzare i livelli di glicemia; prevenendo così i picchi glicemici dopo i pasti. Tuttavia, il basso apporto calorico di questo legume viene considerato riferendosi alle fave fresche. Se consumate secche hanno valori nutrizionali molto diversi e molte più calorie.

In cucina le fave si possono trovare crude o cotte, fresche o secche. Le fave fresche sono perfette con pasta, farro integrale, miglio oppure riso. Sono ideali sia calde per una zuppa sia fredde, in insalata. Con le fave secche invece si può preparare la farina. Basterà tostarle al forno e tritarle per ottenere un ingrediente naturalmente privo di glutine da utilizzare come aggiunta negli impasti di pane e pasta fatti in casa.

Asparagi: caratteristiche & valori nutrizionali

Gli asparagi, come aglio e cipolla, appartengono alla famiglia delle Liliacee. Disintossicanti e diuretici, sono ricchi di vitamine, sali minerali, fibre e antiossidanti che favoriscono il transito intestinale, ci aiutano a smaltire le tossine e riducono i livelli di colesterolo nel sangue.

L’apporto calorico per 100g è di sole 24 kcal, quindi sono ideali per chi segue una dieta ipocalorica. Gli asparagi hanno poi un indice glicemico molto basso e sono particolarmente indicati per chi soffre di diabete. Fonte di minerali, potassio, vitamina C e folati, sono da sempre utilizzati nella medicina popolare come rimedio contro i problemi di diuresi e per combattere la ritenzione idrica.

Tipici ortaggi primaverili, gli asparagi sono perfetti per primi, secondi, contorni e ovviamente al naturale, conditi con olio extravergine di oliva o limone. Gli asparagi sono l’ingrediente perfetto per pasta e risotti ma, perché non accostarli al salmone o ai gamberi? O ancora per preparare degli hamburger vegetali usando come base la farina di ceci, le patate e…

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin