fbpx

Pasta fredda con peperoni arrostiti

pasta-fredda-peperoni-arrostiti_ricette_equilibrium_intelligent_food

Ingredienti per 4 persone

  • 350 g di fusilli Equilibrium Food
  • 400 g di peperoni
  • 300 g di olive nere
  • 100 g di capperi dissalati
  • 1 spicchio di aglio
  • Olio extra vergine d’oliva Equilibrium
  • Sale

     

Per questa ricetta abbiamo utilizzato:

Pasta fredda con peperoni arrostiti: come prepararla

  • Adagiate i peperoni in una teglia e cuoceteli in forno a 200° per 30 minuti;
  • Una volta cotti tirateli fuori dal forno e chiudeteli in un sacchetto per congelare gli alimenti e fateli freddare. Questo piccolo trucchetto renderà semplicissimo staccare la pelle;
  • Staccate la pelle dei peperoni e tagliateli a listarelle sottili;
  • Metteteli a marinare con olio e aglio tritato sottilissimo;
  • Cuocete la pasta in abbondante acqua salata e scolatela al dente;
  • Una volta scolata mettetela sotto un getto di acqua fredda. In questo modo ne bloccherete la cottura;
  • Condite la pasta con l’olio extra vergine di oliva in modo tale da non far attaccare i fusilli tra di loro;
  • Condite la pasta con i peperoni (che avrete scolato dall’olio della marinatura) i capperi e le olive nere.

Peperoni: caratteristiche & valori nutrizionali

I peperoni sono i frutti freschi del Capsicum annuum, una pianta che appartiene alla famiglia delle Solanacee come i pomodori, le patate e le melanzane. I peperoni sono ideali in estate per la loro capacità di reintegrare l’acqua. Sono ricchi di fosforo, magnesio, potassio, ferro e calcio oltre ad una percentuale di vitamina C quattro volte superiore a quella degli agrumi.

Anche la percentuale di fibra è buona. Il che lo rende un ingrediente utile al controllo del peso vista la capacità di stimolare il senso di sazietà già con piccole porzioni (dieta ipocalorica). I peperoni sono ortaggi poco calorici. In 100 g di prodotto troviamo solo 22 kcal e come nel peperoncino, è presente la capsaicina che ha proprietà antibatteriche, antidiabetiche, analgesiche e antitumorali.

Tuttavia, il motivo per cui molte persone non digeriscono il peperone è dato dalla presenza di cellulosa nella buccia. Per sbucciarli più facilmente potete immergerli in acqua bollente per circa un minuto e poi ripassarli sotto l’acqua fredda.

Per evitare maggiori percentuali di solanina vi consigliamo di preferire peperoni rossi e gialli. Quando li scegliete assicuratevi che siano sodi, con la pelle ben tesa. Il picciolo verde deve ben attaccato. Inoltre, ricordatevi ed evitare tempi di cottura troppo lunghi che riducono il contenuto di vitamina C.

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Torna su