fbpx

Minestra di fagioli e bieta rossa

minestra-di-fagioli_ricette_equilibrium_intelligent_food

Ingredienti per 4 persone

  • 500 g di fagioli 
  • 200 g di bieta rossa 
  • 1 spicchio di aglio 
  • Brodo vegetale 
  • Olio extra vergine d’oliva Equilibrium 
  • Sale Pepe
Per questa ricetta abbiamo utilizzato:

Come preparare la minestra di fagioli e bieta rossa

  • Mettete i fagioli a bagno in acqua fredda per 12 ore.
  • Lessate i fagioli in abbondante acqua bollente salata per 45 minuti. I tempi di cottura saranno gli stessi anche se userete fagioli freschi.
  • Fate soffriggere lo spicchio di aglio a fiamma dolce per due minuti in due cucchiai di olio.
  • Unite i fagioli al soffritto e fate insaporire per 3 minuti a fiamma dolce.
  • Coprite tutto con il brodo vegetale, salate e fate sobollire per 10 minuti, aggiungendo altro brodo quando la minestra si asciuga troppo.
  • Aggiungete la bieta e fate cuocere per altri 5 minuti.
  • Aggiustate di sale, pepate a piacere e servite.

Fagioli: caratteristiche & valori nutrizionali

Borlotti, cannellini, toscanelli, rossi, bianchi, neri: sono tantissime le varietà di fagioli esistenti. E anche se ognuna di queste si presta a diverse preparazioni tutti i fagioli hanno in comune numerose proprietà benefiche e valori nutrizionali importanti per il nostro benessere.

Questi legumi sono ricchi di carboidrati, proteine, fibra e vitamine del gruppo B. Hanno un contenuto ridotto di grassi, inferiore anche alla soia, ma sono molto calorici (303kcal per 100g). Il valore nutritivo è infatti molto alto, pari a quello di carne e uova, ma privo di colesterolo. Dal punto di vista nutrizionale sono un alimento completo e ricco. Sono presenti elevate quantità fosforo, ferro, potassio e calcio, oltre alle vitamine A, B e C. Inoltre, sono ricchi di lecitina, un fosfolipide che favorisce l’emulsione dei grassi, evitandone l’accumulo nel sangue e riducendo di conseguenza il livello di colesterolo.

Nella buccia troviamo invece un’alta concentrazione di fibra, utile per il metabolismo e nel favorire il senso di sazietà. In scatola o secchi fanno sempre bene ma nel primo caso hanno un alto tenore di sodio, per cui è bene scolarli e sciacquarli prima di consumarli. Prima di cucinare i fagioli secchi è invece consigliabile tenerli in ammollo almeno 6-8 ore in acqua fredda e poi risciacquarli per eliminare glucosidi cianogenetici (che liberano cioè acido cianidrico), responsabili di quella lieve sensazione di gonfiore che può presentarsi dopo l’assunzione. Il ‘rischio gonfiore’ può essere attenuato anche utilizzando erbe o spezie durante la cottura: particolarmente efficaci sono lo zenzero macinato e la santoreggia.

In generale sono un’ottima fonte di fibre e aumentano il senso di sazietà, migliorano il transito intestinale e riducono l’assorbimento di zuccheri semplici e di grassi, soprattutto il colesterolo.

Bieta Rossa: caratteristiche & valori nutrizionali

La bieta è una verdura a basso apporto calorico: secondo le tabelle dei valori nutrizionali dell’Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione, una porzione da 100 g di bieta cruda apporta sole 19 kcal. Le biete sono un’ottima fonte di micronutrienti, sali minerali e vitamine, il cui contenuto può essere ben preservato se cucinate al vapore o sbollentate per qualche minuto. La maggior parte dell’apporto energetico dell’ortaggio è dovuto ai carboidrati semplici e una discreta quantità di fruttosio. Interessate è invece l’apporto di fibra alimentare che la rende un vegetale utile a favorire il benessere intestinale e a controllare l’indice glicemico dei pasti.

Nelle biete troviamo poi: vitamine A, C e sali minerali, soprattutto potassio, fosforo, calcio e ferro. Sono considerate un ortaggio con buone proprietà diuretiche e depurative grazie alla concentrazione di potassio e una trascurabile quantità di sodio. Tuttavia, è ricca di zuccheri e quindi non è un alimento particolarmente adatto a chi soffre di diabete. 

Per conservare le caratteristiche nutrizionali delle biete è preferibile cuocerle al vapore ed eventualmente ripassarle velocemente in padella per insaporirle con il condimento scelto. Per mantenere al minimo il contenuto di sodio, è preferibile scegliere di condirle con le spezie senza aggiungere sale. Una gustosa soluzione è aglio, olio extravergine di oliva e un pizzico di senape polverizzata.

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Torna su