Fusilli con Carciofi, Funghi e Tofu

Ricette

Fusilli con Carciofi Funghi e Tofu

Ingredienti per 4 persone

  • 350 g di Fusilli
  • 3 carciofi
  • 200 g di tofu al naturale
  • 150 g di funghi champignon
  • 1 spicchio di aglio
  • Olio Evo Equilibrium Food
  • Sale
  • Pepe 
Per questa ricetta abbiamo utilizzato:

Come preparare i Fusilli con Carciofi, Funghi e Tofu

Per preparare i Fusilli con Carciofi Funghi e Tofu, cominciate con la bruoise:

  • Tagliate i funghi a cubetti molto piccoli e rosolateli in padella con un filo di olio e un cucchiaio di acqua sino a renderli croccanti;
  • Pulite i carciofi e tagliateli a fettine;
  • Soffriggete in una padella capiente lo spicchio di aglio con 2 cucchiai di olio. Unite i carciofi e fateli cuocere dolcemente per 15 minuti (o comunque sino a quando saranno teneri). Se il fondo di cottura dovesse asciugarsi troppo aggiungete un po’ di acqua;
  • Unite poi il tofu tagliato a cubetti e fate insaporire il tutto per un paio di minuti. Salate e pepate;
  • Cuocete la pasta e scolatela al dente conservando un mestolo di acqua di cottura;
  • Saltate la pasta con il condimento aggiungendo l’acqua di cottura per amalgamare;
  • Ultimate aggiungendo la brunoise di funghi fuori dal fuoco e servite.

Carciofi: caratteristiche & valori nutrizionali

I carciofi sono ortaggi molto leggeri e poco calorici, 100 g contengono circa 22 kcal. Sono ricchi di potassio e sali di ferro, mentre hanno uno scarso contenuto di vitamine. Tuttavia, sono tra gli alimenti con il più alto contenuto di fibre, e grazie alla presenza di Cinarina possono contribuire ad abbassare i livelli di colesterolo cattivo nel sangue.

Protettori indiscussi del fegato, i carciofi provocano un aumento del flusso biliare e sono molto indicati nella dieta dei diabetici. Inoltre, sono utili per la digestione, poiché aumentano la produzione dei succhi digestivi. Il carciofo ha un indice glicemico moto basso, particolarmente adatto ai diabetici. Inoltre, è spesso utilizzato anche nella medicina naturale in caso di disturbi della cistifellea e del fegato, oltre che in caso di sindrome del colon irritabile.

Al solito, per godere dei suoi benefici, non esagerate con i condimenti e con cotture troppo lunghe! Sempre meglio gustarli sbollentati e in insalata o cotti al vapore con olio extravergine d’oliva e limone.

Tofu: caratteristiche & valori nutrizionali

Il tofu è un prodotto ottenuto dalla trasformazione e dalla lavorazione dei semi di soia gialla. Viene spesso consumato come alternativa al formaggio per abbassare il colesterolo e ridurre il rischio di aterosclerosi e ipertensione.

Rispetto al formaggio, il tofu è privo di lattosio, povero di sodio, calorie e ricco di potassio. Inoltre, ha un indice glicemico molto basso, non contiene né glutine né colesterolo ed è perfetto per la dieta dei pazienti diabetici o per chi soffre di celiachia. Inoltre, rappresenta un valido sostituto alle proteine animali nelle diete di soggetti intolleranti al latte, ipertesi, in sovrappeso o affetti da sindrome metabolica. Un altro vantaggio rispetto al formaggio è che non contiene colesterolo e la percentuale di grassi è molto ridotta. 100 grammi di prodotto contengono infatti soltanto 76 kcal, suddivise principalmente in carboidrati e proteine vegetali utili nella riduzione del colesterolo cattivo e nell’equilibrare la pressione sanguigna.

Il sapore neutro lo rende un alimento molto versatile, perfetto per molti abbinamenti. Provatelo per preparare salse, ripieni e condimenti di insalate, pasta e risotti creativi. Infine, il nostro consiglio è di prediligere il tofu biologico. Meglio ancora se preparato in casa da semi di soia biologici. In questo modo eviterete il rischio che nel prodotto sia presente la soia OGM.

Funghi: caratteristiche & valori nutrizionali

I funghi sono un alimento povero di grassi e calorie, quindi ottimi anche in una dieta dimagrante. I principali macronutrienti che troviamo in questo ingrediente sono: selenio, calcio, fosforo, magnesio, ferro e potassio.

Nei funghi troviamo anche lisina e triptofano, vitamine del gruppo B e alcune sostanze antiossidanti. Il miglior momento per mangiarli freschi è al cambio di stagione tra estate e autunno. A livello di valori nutrizionali, 100 g di prodotto (funghi porcini) apportano circa 26kcal suddivise in: Acqua 92g, Carboidrati 1g, Zuccheri solubili 1g, Proteine 3,90g, Grassi 0,70g e Fibra 2,50g. Le caratteristiche dei macronutrienti cambiano però di specie in specie.

I funghi vengono spesso considerati alla stregua dei vegetali per l’elevato contenuto d’acqua (90% del peso) e l’apporto di fibra alimentare. Quando freschi hanno un apporto del tutto trascurabile di grassi (0,2%) e carboidrati (0,8%) mentre la buona concentrazione di potassio, a dispetto della minima quantità di sodio, rende i funghi naturalmente diuretici.

L’unica nota dolente è che si tratta di alimenti poco digeribili per la presenza della micosina, una proteina non assimilabile dal nostro organismo. Attenzione quindi a non esagerare!

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin