fbpx

Asparagi marinati e semi di lino

asparagi-con-semi-d-lino_ricette_equilibrium_intelligent_food

Ingredienti per 4 persone

  • 250 g di asparagi 
  • 1 cucchiaio di aceto di mele 
  • 3 cucchiai di olio evo Equilibrium Food 
  • Mezzo cucchiaino di sale 
  • 50 g di semi di lino Equilibrium Food
Per questa ricetta abbiamo utilizzato:

Asparagi marinati e semi di lino: come prepararli

  • Con una forchetta sbattete insieme l’aceto ed il sale sino a quando il sale non si sarà completamente sciolto. L’operazione risulterà più semplice se userete un frullatore;
  • Sempre mescolando aggiungete l’olio a filo e continuate a sbattere sino a quando la salsa risulterà omogenea;
  • Pulite gli asparagi e privateli delle parti esterne più dure e fibrose;
  • Aiutandovi con un pelapatate affettateli a strisce sottilissime. Mettete gli asparagi affettati in una ciotola, versateci sopra l’emulsione preparata e mescolate per bene;
  • Mettete gli asparagi a riposare in frigo per almeno due ore;
  • Tostate i semi di lino in forno a 200° per 5 minuti;
  • Servite gli asparagi cospargendoli di semi di lino.

Asparagi: caratteristiche & valori nutrizionali

Gli asparagi, come aglio e cipolla, appartengono alla famiglia delle Liliacee. Disintossicanti e diuretici, sono ricchi di vitamine, sali minerali, fibre e antiossidanti che favoriscono il transito intestinale, ci aiutano a smaltire le tossine e riducono i livelli di colesterolo nel sangue.

L’apporto calorico per 100g è di sole 24 kcal, quindi sono ideali per chi segue una dieta ipocalorica. Gli asparagi hanno poi un indice glicemico molto basso e sono particolarmente indicati per chi soffre di diabete. Fonte di minerali, potassio, vitamina C e folati, sono da sempre utilizzati nella medicina popolare come rimedio contro i problemi di diuresi e per combattere la ritenzione idrica.

Tipici ortaggi primaverili, gli asparagi sono perfetti per primi, secondi, contorni e ovviamente al naturale, conditi con olio extravergine di oliva o limone. Gli asparagi sono l’ingrediente perfetto per pasta e risotti ma, perché non accostarli al salmone o ai gamberi? O ancora per preparare degli hamburger vegetali usando come base la farina di ceci, le patate e…

Semi di lino: caratteristiche & valori nutrizionali

I semi di lino sono molto conosciuti per l’alto contenuto di omega3, minerali e per la loro funzione emolliente e protettiva dell’intestino. L’alto contenuto di fosforo, rame, magnesio, manganese, proteine e lipidi fanno di questi semi uno dei più potenti alleati naturali per la salute. Questo alimento, grazie alla sua azione regolatoria sull’intestino, rientra infatti tra gli integratori alimentari contro la stitichezza. Inoltre, i semi di lino sono molto utili per combattere infiammazioni interne o a livello epidermico.

I semi di lino sono una fonte naturale di omega3 in natura. Poveri di colesterolo e di sodio, ma ricchi di acidi grassi, fibre e vitamine, sono particolarmente consigliati a coloro che seguono un’alimentazione vegetariana o vegana. L’assunzione regolare di omega3 è inoltre legata sia ad un miglioramento delle funzioni digestive, sia ad un accrescimento dei livelli di colesterolo HDL (colesterolo buono-link epicentro.it).

Per assicurarsi un buon apporto di omega3, i nutrizionisti consigliano di assumere almeno tre cucchiaini di semi di lino crudi al giorno. Un modo gustoso di integrarli alla propria dieta è di aggiungerli alle vostre insalate (meglio se interi) o nella preparazione di pane e prodotti da forno caserecci.

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Torna su