fbpx

BLOG - l'alimentazione dei nostri figli

Grani antichi e bambini

grani-antichi-e-bambini

Esiste uno stretto legame tra grani antichi e bambini, perché sono la categoria che non è ancora biologicamente compromessa da cattive abitudini ed insegnare ai nostri figli una cultura alimentare corretta può essere il primo passo per una vita in salute.

Ma innanzitutto cosa sono i grani antichi?

Sono tutte quelle varietà di frumento coltivate prima del 1970. Purtroppo, l’espressione “grani antichi” oggi è spesso utilizzata a sproposito. Un esempio della confusione creatasi è il Kamut o meglio il grano khorasan. A differenza di quello che molti credono infatti KAMUT non è una varietà di grano bensì un marchio registrato.

Perché proprio il 1970?

Dal 1970 in poi, vista la rapida crescita della popolazione mondiale ed il conseguente crescente fabbisogno di cibo, c’è stata una rapida accelerazione dei processi produttivi grazie ad una manipolazione sulle materie prime per renderle più produttive.

Questo ha portato a svariate conseguenze, tra le quali quella di avere alimenti svuotati dei nutrienti e non biocompatibili con il nostro organismo.

Per quale motivo dovrei scegliere i grani antichi?

  1. Sono più nutrienti: la filiera di produzione è totalmente artigianale, macinatura su pietra, trafilatura della pasta al bronzo e cottura a basse temperature, assicurano una più alta concentrazione di nutrienti
  2. Hanno un basso indice glicemico: a differenza dei grani moderni, hanno mantenuto un rapporto più equilibrato tra glutine ed amido
  3. Sono altamente digeribili: come abbiamo detto un minor contenuto di glutine rende i grani antichi ed i prodotti da essi derivati, come pasta e pane, altamente digeribili ed assimilabili dal nostro organismo
  4. Prevengono l’insorgere di intolleranze ed irritazioni: grazie ad una maggiore biocompatibilità con il nostro organismo sono maggiormente assimilabili

Questi sono solo alcuni dei motivi per cui consumare e far consumare ai tuoi bambini grani antichi, se vuoi scoprire di più leggi il nostro articolo: Perché scegliere i grani antichi.

Dopo questa breve spiegazione torniamo al tema centrale del nostro articolo grani antichi e bambini.

Perché è così importante insegnare una cultura alimentare sana ai nostri figli?

Su di loro l’alimentazione sana può dare benefici sorprendenti, può preservargli da patologie croniche legate direttamente o indirettamente all’alimentazione (non sai cosa sono le patologie croniche leggi qui: Patologie croniche come prevenirle e curarle)

Ricordiamoci che una patologia cronica non può essere curata, ma solamente essere tenuta a bada con terapie e medicinali, consideriamo questo dato: in Italia il 40% della popolazione soffre di almeno una malattia cronica ed il trend è in crescita, oltretutto gran parte di queste patologie scaturiscono da errate abitudini alimentari.

Assume quindi una rilevanza fondamentale pensare all’alimentazione nostra e dei nostri figli.

In quanto, gli effetti di una buona o cattiva alimentazione si manifestano nel lungo o lunghissimo periodo, anni o addirittura decenni, e molte volte ahimè quando si manifestano i primi sintomi, la patologia ha già ampiamente compromesso il nostro organismo.

In conclusione

Insegnare oggi ai nostri figli una cultura alimentare corretta può preservarli da problematiche granose in futuro e fagli vivere una vita più sana, vuoi scoprire di più su cosa significhi avere uno stile di vita sano leggi qui: Sport e alimentazione equilibrata, il segreto per una vita sana.

Pasta di grano Antico Senatore Cappelli con Curcuma & Pepe Nero

Riduce l'accumulo di grassi, aumenta la sazietà e accelera il tuo metabolismo

Vuoi raggiungere il tuo peso forma?

Scarica gratis le Linee Guida alla Corretta Alimentazione e scopri i menu giornalieri preparati dai nostri nutrizionisti

Vuoi fare il pane in casa ma non sai da dove iniziare?

Scarica gratis le nostre 15 ricette a base di farina di Ceci e di Grano Duro per perdere peso con piatti gustosi
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su