Alimenti funzionali

BLOG

alimenti funzionali

Alimenti funzionali: cosa sono e come distinguerli

Il concetto di alimenti funzionali nasce in Giappone negli anni ’80. In quel periodo, le autorità sanitarie del paese, riconobbero la necessità di migliorare la qualità di vita della popolazione e in particolare di quella più anziana. Per fare questo, si pensò quindi di concentrarsi sull’alimentazione e sullo studio di alimenti che migliorassero lo stato di salute o riducessero il rischio di malattie.

Oggi, la commissione del FUFOSE (The European Commission Concerted Action on Functional Food Science in Europe https://ilsi.eu/fufose/) definisce funzionali “gli alimenti che hanno un effetto benefico su una o più funzioni dell’organismo, in modo rilevante per il miglioramento dello stato di salute e benessere e/o per ridurre il rischio di malattie”.

Gli effetti salutistici di questi alimenti, sono infatti dovuti alla presenza di componenti naturalmente presenti, o aggiunte, che interagiscono più o meno selettivamente con una o più funzioni fisiologiche (biomodulazione) portando ad effetti positivi per il benessere dell’organismo. Attenzione però a non confondere alimenti funzionali con integratori e medicinali. Non sono da considerarsi alimenti funzionali: pillole, capsule o qualsiasi forma di integratore che non è parte di un normale regime alimentare.

Componenti naturali degli alimenti funzionali

Il processo di ideazione e produzione degli alimenti funzionali prevede tappe ben distinte. Fondamentale è, innanzitutto, un’approfondita ricerca e osservazione statistica o empirica che riconosce ad un dato alimento alcune proprietà benefiche. Successivamente, si individuano altri cibi con le stesse caratteristiche nutritive. Da questi primi passi, partono poi gli studi per accertare l’esistenza di molecole responsabili degli effetti benefici. 

Infine, una volta individuati i giusti componenti, questi vengono impiegati per arricchire alimenti con sostanze già naturalmente presenti (alimenti funzionali arricchiti) o per conferire una determinata caratteristica a cibi che originariamente non la possiedono (alimenti funzionali supplementati).

La lista delle componenti naturali è davvero molto lunga e in continua evoluzione ma, per semplicità, ecco le principali categorie di elementi che possiamo trovare nei prodotti funzionali:

  • Vitamine e minerali
  • Colture batteriche
  • Fibra (intrinseca o aggiunta)
  • Olio di pesce o acidi grassi n-3 (intrinseco o aggiunto)
  • Grassi mono e polinsaturi
  • Estratti vegetali

La produzione di questi cibi prevede dunque la presenza e sinergia di differenti sostanze attive come ad esempio: probiotici, omega3inulina, zeolite o fibre ed altri antiossidanti come polifenolilignaniamminoacidi e curcuma, che amplificano e ottimizzano gli effetti benefici.

Le principali azioni benefiche sull’organismo

L’alimentazione è uno dei principali fattori implicato nello sviluppo di patologie e squilibri dell’organismo. Data la funzione di ricezione ed assorbimento delle sostanze nutritive infatti, il sistema gastrointestinale si è meritato l’appellativo di “secondo cervello”. E infatti, tra le principali potenzialità benefiche ufficialmente riconosciute dalla comunità scientifica agli alimenti funzionali, troviamo:

  • Diminuzione dello stress ossidativo cellulare
  • Miglioramento della risposta immunitaria
  • Miglioramento della funzionalità cardiovascolare
  • Modulazione dell’attività degli enzimi detossificanti
  • Miglioramento del benessere gastrointestinale
  • Riduzione del rischio di tumori
  • Attività antimicrobica
  • Azione ipocolesterolemizzante
  • Azione ipoglicemizzante

Nella categoria, rientrano perciò tutti quegli alimenti come pasta, cereali, yogurt, biscotti, olio extravergine d’oliva, etc. le cui proprietà benefiche sono riconducibili a composti naturali presenti nell’alimento, eventualmente in concentrazioni più elevate, o a composti (non presenti in origine) aggiunti all’alimento.

Come sappiamo bene, salute e prevenzione delle malattie partono innanzitutto da una corretta alimentazione ed uno stile di vita consapevole. Ed è per questo motivo che, gli alimenti funzionali, possono rappresentare una valida alternativa, che permette di inserire composti attivi benefici nella propria dieta e mantenersi in forma con gusto.

A corto di idee per la tua dieta?

Scarica gratis la raccolta di ricette per mangiare sano senza rinunciare a piatti gustosi

Vuoi raggiungere il tuo peso forma?

Scarica gratis le Linee Guida alla Corretta Alimentazione e scopri i menu giornalieri preparati dal nostro nutrizionista Derry Procaccini
pepe nero

Pepe Nero e piperina: alleati della salute

Pepe Nero e Piperina: alleati della salute Il potere terapeutico del pepe nero era già riconosciuto nell’antichità. Gli Egizi ad esempio, lo utilizzavano nella miscela di sale e menta per pulire i denti. Ippocrate lo consigliava mescolato a miele e aceto come medicamento per i dolori ciclici femminili e Plinio il Vecchio, nella sua Historia

Leggi Tutto »
flora batterica intestinale

Flora batterica intestinale: il microbiota

Flora batterica intestinale: il microbiota La flora batterica intestinale, o microbiota, è un tema centrale per la ricerca alimentare. Cervello e intestino lo sappiamo, si influenzano a vicenda. Ad oggi però, grazie alla tecnologia per il sequenziamento dei genomi, esistono dati sempre più dettagliati su varietà e funzione dei microrganismi che popolano il tratto intestinale.

Leggi Tutto »
alimenti funzionali

Alimenti funzionali

Alimenti funzionali BLOG Alimenti funzionali: cosa sono e come distinguerli Il concetto di alimenti funzionali nasce in Giappone negli anni ’80. In quel periodo, le autorità sanitarie del paese, riconobbero la necessità di migliorare la qualità di vita della popolazione e in particolare di quella più anziana. Per fare questo, si pensò quindi di concentrarsi

Leggi Tutto »
Cioccolato_Fondente_quando_mangiarlo

Quando mangiare il cioccolato?

BLOG Quando mangiare il cioccolato? Quando mangiare il cioccolato? Come abbiamo già detto in questo articolo per assicurarsi tutti i benefici del cioccolato è bene scegliere quello fondente. Ancor meglio se con una percentuale di cacao più alta del 80%. In questo modo saremo certi di consumare fondente puro, che non contiene altre fonti di grassi

Leggi Tutto »
Cioccolato Fondente Benefici

Cioccolato fondente: quali benefici per l’organismo?

BLOG Cioccolato fondente: quali sono i benefici per l’organismo? Nonostante sia considerato un alimento goloso e molto calorico, il cioccolato fondente è un piacere a cui non si dovrebbe mai rinunciare. Anche se spesso è bandito dalle diete, per le sue proprietà, sarebbe riduttivo non riconoscere i benefici che il cioccolato fondente è in grado

Leggi Tutto »
Cioccolato fondente

Cioccolato: perché mangiarlo fa bene?

BLOG Cioccolato: perché mangiarlo fa bene? Vi siete mai chiesti se è giusto concedersi un po’ di cioccolato durante la dieta? Tutti amiamo il cioccolato. E anche se spesso è bandito dalle diete, si tratta di un alimento ricco di proprietà benefiche. Esistono moltissimi tipi di cioccolato: bianco, al latte, con le nocciole ma, in

Leggi Tutto »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *