BLOG

Curcuma: perché fa bene all’organismo?

curcuma_perche_fa_bene_www.equilibriumfood.com/blog

Curcuma: benefici e caratteristiche

La Curcuma, è una spezia indiana, utilizzata da oltre 2500 anni come una medicina naturale per i benefeci del suo principio attivo: la curcumina. Le sue caratteristiche la rendono una sostanza particolarmente salutare grazie agli effetti che è in grado di offrire al nostro organismo.

La Curcuma è infatti in grado di mantenere la glicemia e l’insulina bassa mentre il suo principio attivo è particolarmente indicato per:

  • Ridurre lo stato infiammatorio indotto dall’iperglicemia;
  • Modulare i difetti da fibrosi cistica;
  • Abbassare il colesterolo;
  • Combattere con alimenti genuini l’insorgenza di diabete, cancro e sclerosi multipla (Anticancer Res. 2015 Feb;35(2):645-51. Review.);
  • Bloccare i virus dell’immunodeficienza umana (HIV).

Perché usare la Curcuma?

Come nell’alimentazione facciamo una distinzione tra grassi buoni (come l’olio d’oliva) e grassi meno buoni (i grassi animali), così, all’interno del nostro corpo c’è del grasso scuro (buono) e bianco (cattivo), la cui proporzione, determina il nostro stato di salute generale. Le molecole di grasso scuro hanno alta densità e trasformano l’energia del cibo in calore mentre, le cellule di grasso bianco, conservano l’energia per un uso successivo nelle cellule adipose.

Ovviamente, tra gli obesi, la maggior parte delle cellule di grasso, sono del tipo bianco. Ridurne la portata, principalmente nella zona addominale, non è solo un fattore estetico, ma anche di salute, perché il grasso bianco sull’addome è correlato ad un maggior rischio di infarti.

L’esistenza di due differenti tipi di grasso e la carenza di quello scuro in chi soffre di obesità, ha portato ad ipotizzare che agendo sull’aumento delle cellule di grasso scuro, potrebbe rappresentare un nuovo modo di combattere la malattia. Per questo si è pensato alla curcuma. Studi scientifici dimostrano infatti che la curcuma è capace di aumentare le cellule di grasso scuro attraverso quattro meccanismi:

  • Migliorando l’espressione dei geni del grasso scuro. Questa è la “modificazione epigenetica”, e avviene quando un nutriente altera i modelli di una cellula “dall’esterno”;
  • Stimolando la produzione di nuovi mitocondri, che migliorano la qualità dei muscoli;
  • Aumentando i processi di degradazione dei grassi bianchi;
  • Migliorando l’omeostasi metabolica che, tra gli obesi è squilibrata

In aggiunta a ciò, essendo la curcumina un antinfiammatorio, migliora lo stato generale di infiammazione tipico di coloro che soffrono di obesità, diabete e malattie cardiovascolari. La curcumina induce infatti la morte delle cellule adipose bianche. I suoi effetti benefici sono stati evidenziati in oltre 700 studi scientifici che hanno analizzato il suo potenziale nella prevenzione di Tumori, Artriti, Allergie, Aterosclerosi, Diabete, Malattie Neurodegenerative (Parkinson, Alzheimer, ecc.) sindrome metabolica, Obesità, disfunzioni endoteliali, iperuricemia, nonché un potere ipoglicemizzante.

Curcuma e Pepe Nero: benefici del mix di spezie

Imparare ad usare quotidianamente la curcuma e altre spezie benefiche per la preparazione dei nostri piatti è sicuramente un primo passo verso una sana e corretta alimentazione. Questo è anche il motivo per cui alla nostra pasta, abbiamo aggiunto un tipo di Curcuma particolarmente ricca del suo principio attivo in maniera di assicurarvi un apporto di 2g di Curcuma per ogni 100g di pasta.

Inoltre, l’aggiunta di Pepe Nero biologico, il cui principio attivo è la piperina, potenzia l’effetto della curcuma aumentando fino a 1000 volte l’assorbimento dei suoi principi attivi.